Ricette

P(r)esto

P(r)esto è il nome di questo nuovo piatto.

Perché proprio p(r)esto?

Perché è un piatto che si prepara in pochissimo tempo e perché c’è un pesto strano. Si tratta di una pasta integrale fredda con pesto di rucola, mandorle, basilico, parmigiano reggiano e menta. Ad accompagnare il tutto, datterini gialli, rossi, basilico abbondante e fior di latte fresco. Semplice, veloce e, come si dice dalle mie parti, checazz overamet’!

Ingredienti per 4 persone:

  • 320g di pasta integrale
  • 50g rucola
  • 10g basilico
  • 10g menta
  • 1\2 spicchio d’aglio senz’anima (seno feta)
  • 80g parmigiano
  • 30g mandorle pelate
  • scorza di limone
  • 150ml olio evo
  • 100g pomodorini gialli
  • 100g pomodorini
  • 200g fior di latte

Procedimento:

Portate l’acqua a bollore, menate la pasta e fatela cuocere. Una vola cotta scolatela e bloccate la cottura con acqua fredda. Mettetela in un recipiente con un filo d’olio (in modo da non farla attaccare), mischiate e tenete da parte.

Ora dedicatevi al pesto. In un frullatore aggiungete l’olio e poco alla volta il resto degli ingredienti. In ordine, aglio, rucola, basilico, menta, mandorle, parmigiano, limone. Frullate il tutto. Se la consistenza è troppo solida aggiungete altro olio. Regolatevi voi insomma, secondo i vostri gusti. Salate, pepate e mettete da parte il pesto.

In una terrina unite i pomodori tagliati a metà, fior di latte, basilico e menta fresca. Condite il tutto con olio evo.

In una ciotola aggiungete un cucchiaio di pesto, la pasta, ancora pesto e mescolate per amalgamare il tutto. Aggiungete il resto degli ingredienti, un filo d’olio, qualche foglia di basilico e menta e lasciate riposare in frigo per 10 minuti.

 

Veloce, semplice e saporito sto piatto. Sapido, dolciastro, acidulo, amaro, piccantino, grasso. Tropp bell. C’è tutto ed è molto fresco e leggero. Un piatto adatto all’estate che porta dipendenza e che, sono sicuro, replicherete tantissime volte.

Se vi resta del pesto, o lo sigillate con due strati di pellicola e lo conservate in frigo per un paio di giorni, oppure potete coprirlo e congelarlo. Non buttate niente mi raccomando!

 

Rispondi