Ricette Street Food

Lo street food è una cosa seria: pizza fritta

Ieri sera presso il christmas village di Nocera Inferiore si è svolto il primo evento della mia rubrica dedicata alla gastronomia “lo street food è una cosa seria”. La mia rubrica sarà scandita in altre due date, il 26 dicembre e il 6 gennaio, ed avrà come punto centrale il cibo da strada, quello buono, quello vero e genuino della nostra terra. Quello serio. Lo street food nasce in Campania secoli fa. Risale, pensate, al 1700 la prima pizza venduta per le strade del centro storico della città all’ombra del Vesuvio. Data la storicità era doveroso anteporre le nostre tradizioni ai soliti hot dog e altro cibo tipico di altre zone del mondo, e porle come protagoniste in un evento importante come questo.

Ieri, circondato da tanta bella gente curiosa ed interessatissima alla cosa, ho iniziato la mia rubrica con uno show cooking che descriveva una delle ricette più antiche. Ho realizzato una ricetta appartenente da secoli alla tradizione campana. Questa delizia è sicuramente una delle forme più antiche di street food esistenti al mondo. La montanara o pizza pizzell. Una soffice nuvola di pizza fritta condita con pomodoro San Marzano, basilico, fior di latte e parmigiano che può essere mangiata in qualsiasi momento della giornata e in qualsiasi luogo. La si trova ovunque per i quartieri del centro storico di Napoli, e resisterle è a volte impossibile. È una ricetta semplice, sfiziosa e veloce. Per renderla unica però occorrono prodotti eccellenti come le mozzarelle fornite dal Podere dei leoni e i pomodori San Marzano D.O.P forniti dalla storica azienda Pomilia esportatrice del nostro pomodoro in tutto il mondo e presente anche nella vetrina internazionale di Expo Milano 2015. I pomodori vengono selezionati in maniera accurata per rendere il prodotto finale straordinario.

Ingredienti:

  • 1 litro d’acqua
  • 1,5 kg di farina (w260\310)
  • 40g di sale
  • 3\4 g di lievito di birra
  • un cucchiaino di zucchero
  • 500g pomodoro san marzano
  • aglio
  • basilico
  • 150g mozzarella
  • 80g parmigiano

DSC_0423

Preparate l’impasto disponendo 1l d’acqua in una planetaria. Sciogliete il lievito e lo zucchero. Unite al tutto la farina poco per volta e impastate. Cercate di incorporare piano piano la farina e di mescolare cercando di incorporare più aria possibile all’interno. Impastate per 15 minuti circa. Una volta formata la maglia glutinica aggiungete il sale ( non fatelo prima altrimenti il sale andrà a neutralizzare l’effetto del lievito ed il risultato sarà scadente).

DSC_0439

Lasciate lievitare l’impasto lontano da fonti di calore per circa 120 minuti. Passata un’ora lavorate l’impasto per circa 10 minuti, formate dei panetti e lasciateli lievitare per altre 4 ore . Nel frattempo ricavate dai pelati soltanto i filetti di pomodoro eliminando le parti filamentose. In una padella antiaderente fate soffriggere olio, aglio e basilico dopodiché aggiungete il pomodoro, salate, pepate e aggiungete un pizzico di zucchero per eliminare eventuali fonti di acidità e fate cuocere per 30/40 minuti a fuoco lento.

DSC_0474
Formate delle palline con l’impasto e stendetele ricavando delle pizzette. Friggetele in abbondante olio di arachidi facendo attenzione alla temperatura.
_MG_8116
Fatele cuocere dolcemente per una cottura corretta ed omogenea. Asciugate le pizzette cotte con carta assorbente e conditele con il pomodoro, fior di latte tagliato a cubetti, parmigiano grattugiato e basilico.
_MG_8129

 

 

1 commento

Inserisci un commento